icona ristorante

Parole in liberta' bistrot

La Nostra Cibofilosofia

Parole in libertà ha l’intento di far riscoprire i sapori e la cucina di un tempo. Oggi, come in passato, la materia prima e la cura della tavola devono essere elementi basilari. Ci ispiriamo al Futurismo, audace e dinamica avanguardia artistica del ‘900, nata da alcune delle menti più rivoluzionarie dell’epoca. Gustate il cibo con tutti i sensi, assaggiate i nostri piatti già con gli occhi,.

fate uso delle mani, assaporate la genuinità, emozionatevi e condividete!
“Credete proprio all’infrangibile dogma di una cucina immodificabile e imperfezionabile, chiusa in formule e ricette da applicare oggi e sempre come fecero i nostri avi?” (Filippo Tommaso Marinetti)

MENù

cibo

CIBO: QUI SI MANGIA "Si pensa, si sogna e si agisce secondo quel che si beve e si mangia” (Filippo Tommaso Marinetti, Manifesto della Cucina Futurista)


Parole in libertà è espressione di creatività e passione. Una filosofia fondata sulla genuinità degli ingredienti. L’unione di tradizione, innovazione, essenza e rispetto del territorio. Il risultato è una cucina basata esclusivamente sulla lavorazione della materia prima e sull’esaltazione dei sapori. Il manifesto culinario futurista intimava all’ospite di assaporare il cibo con la vista, l’olfatto e il tatto, oltre che con il gusto. Nel nostro bistrot vi invitiamo a fare altrettanto. Assaggiate le nostre proposte con le mani o con l’ausilio del pane, lasciatevi conquistare dagli aromi, innamoratevi a prima vista dei colori e delle forme dei cibi. Ma soprattutto ascoltate, osservate e condividete le vostre sensazioni con chi vi siede accanto… SCOPRI IL NOSTRO MENU

vino

VINO: QUI SI BEVE “Noi canteremo il vitigno scelto, il pampino frusciante e il chicco devoto, la scienza e il lavoro levatrici divino e morali, la fatica gioiosa e cooperante, la rinascita della natura senza guerra ne odio e il volo scivolante delle astronavi nel concento cosmico. E’ dall’Italia che ispirato al manifesto di violenza travolgente e incendiaria che fondò il Futurismo lanciamo oggi questo manifesto del vino come simbolo del mondo e del futuro” Siamo partiti da uno dei punti cardine del manifesto del Vin Futuro di Filippo Tommaso Marinetti, che inneggia ai valori dell’agricoltura, dell’armonia tra uomo e ambiente e, ovviamente, al vino. E’ esattamente qui che vogliamo soffermarci: I futuristi consideravano il vino una “bevanda dinamica”, il cosiddetto “carburante – uomo”. Ci siamo divertiti ad abbinare ai nostri piatti vitigni capisaldi della nostra tradizione come il Nebbiolo, il Lambrusco, il Friulano e la Vernaccia: Lambrusco con Pizzicagnolo Nebbiolo con Farapennuta Fruliano con Baccapatate SCOPRI IL NOSTRO MENU

aperitivi

COCKTAIL: MISCELAZIONE LE POLIBIBITE Contro ogni forma di neologismo moderno, negli anni ’30 i futuristi chiamavano “polibibite” Alcuni tipi miscele alcoliche originali. Alla base l’uso di soli prodotti italiani, reinterpretati in modo gustoso e fantasioso. Per ottenere un ottimo drink esistono moltissime ricette, rivisitazioni e tecniche di miscelazione. Non si può creare un carattere unico senza la giusta dose di passione. Con un processo di preparazione a regola d’arte, la creatività e la qualità degli ingredienti il nostro bar tender Francesco sperimenta costantemente nuovi sapori per servire un'esperienza unica. Sulla base di tale concept prendono vita “Le Ombre dei Mori”, “L’Audace”, “Il Fondatore” e “L’Antico Ferro della Strega” (quest’ultimo una totale creazione del nostro Barman). SCOPRI IL NOSTRO MENU

Il pranzo perfetto

I migliori prodotti scelti per voi per una cucina armoniosa, sana e meditata.

i nostri fornitori

Il Pane: La storia del pane di Pane Ceccacci
La Carne: Angelo Feroci Eredi Aldo Polzella
I formaggi: Cierre di Roberto Casale
Olive ascolane: Nonna Nina di Luciano Maravalli
Prosciutto: Prosciuttificio Rulliano
La verdura: Caliciotti Alfredo
Il Pesce: Fiocco di Paolo Fiocco

la pappa al pomodoro

Pane e pomodoro rappresentano da sempre il legame con la terra e la tradizione: umiltà ed eccellenza in un solo piatto.
Toscana di origine, la pappa al pomodoro subisce una divulgazione extraterritoriale all’inizio del secolo scorso, negli stessi anni in cui nasce il Futurismo.
(Nel 1912 viene anche citata sul celebre “Giornalino di Gian Burrasca” dello scrittore fiorentino Vamba).

pappa al pomodoro
sferoforme di melanzane con provolone dolce

SFEROFORME DI MELANZANE CON PROVOLONE DOLCE E BASILICO

Perfetta rappresentazione gastronomica del movimento e celebrazione della tecnica al servizio dell’uomo.
Soffici sfere di melanzane su lucido di provolone e pomodoro e plastico basilico.